Andrea Bernaudo, romano, classe 1970, Laureato in giurisprudenza all’Università la Sapienza di Roma.

Broker immobiliare, ha due figlie, vive e Lavora a Roma.

Le sue passioni: Il tennis e la politica.

Impegnato sul fronte dei diritti civili e delle riforme sin dal liceo, dopo un’importante parentesi politica nel Partito Radicale Italiano, a 25 anni, a seguito della discesa in campo di Berlusconi, fonda insieme ad altri studenti il movimento giovanile di Forza Italia, del quale diventa coordinatore universitario regionale e poi coordinatore di Roma.

A 29 anni mette su famiglia, e inizia la professione di Broker in uno dei maggiori gruppi immobiliari d’Italia.

Esperto di economia, sensibile ai temi ambientali, promuove incontri sull’ecologia liberale per un diverso approccio alle tematiche legate alla difesa della natura.

Nel 2010 si candida come indipendente liberale nella lista civica della candidata presidente del Lazio, Renata Polverini, e viene eletto consigliere regionale con 9665 preferenze.

Nella legislatura fa approvare 2 leggi a sua prima firma una per liberalizzare l’installazione di impianti per le energie rinnovabili e un’altra sugli “open data” cioè per rendere fruibili online i dati della pubblica amministrazione regionale a tutti i cittadini.

Appassionato di sport, pratica il tennis, sua grande passione. Predilige i campi in terra rossa dove prende corpo il valore della sfida: quando è sul quadrante di gioco perde la nozione del tempo.

Nel 2014 intuisce la crisi profondo del sistema produttivo italiano e fonda SOS partita IVA con cui dà voce a ventimila imprese e professionisti. Ospite di Tv locali e nazionali, si fa portavoce di riforme liberiste e della difesa di tutte le libertà; temi dei quali si occupa firmando editoriali per il quotidiano Libero.

Il 15 febbraio 2020 il comitato dei fondatori, in una affollata assemblea pubblica, lo elegge Presidente di Liberisti Italiani.

Nell’ottobre 2020 il movimento lo indica come candidato sindaco di Roma.